Presidenziali 2017

Présidentielle 2017, edizione straordinaria: Les Républicains al voto

Edizione straordinaria di Présidentielle 2017, la newsletter sulle presidenziali francesi. Arriva ogni domenica anche sulla vostra email, ci si iscrive cliccando qui.

Di cosa parliamo oggi?

1-Domani si vota al primo turno delle primarie del centro-destra, e la rimonta di François Fillon è compiuta. La domanda a cui risponderanno gli elettori nella giornata di domani non è più chi arriva primo tra Juppé e Sarkozy ma chi arriva al ballottaggio tra Sarkozy, Fillon e Juppé. Una situazione di incertezza poco prevedibile sino a un mese fa.

2-Emmanuel Macron è ufficialmente candidato. Cosa lo aspetta?

3-Marine Le Pen ha aperto il suo comitato elettorale, nella stessa strada dell’Eliseo; altro scandalo in vista di Sarkozy?

1-Le primarie del centro-destra: una sfida a tre

Giovedì sera c’è stato l’ultimo dibattito dei Repubblicani, ieri i candidati hanno tenuto le ultime iniziative e dunque la campagna è chiusa. Per chi arriva ora, ricordo le regole delle primarie, dove il sistema è identico a quello delle elezioni presidenziali: se nessuno dei candidati arriva oltre il 50% dei voti al primo turno i due più votati si sfidano al ballottaggio, un metodo che ricorda il modo in cui noi eleggiamo i sindaci in Italia. Come abbiamo notato nelle ultime settimane la partita è molto aperta; da un duello annunciato Juppé contro Sarkozy si è passati ad una corsa a tre, vista la rimonta di François Fillon. Se ne avete bisogno, nella prima puntata avevo scritto una piccola guida di tutti i candidati. La trovate qui.

A-Cosa dicono i sondaggi?

Premessa obbligatoria (noiosa ma necessaria) che se seguite un po’ l’attualità politica ormai trovate ovunque. I sondaggi sono da prendere con cautela, non prevedono il voto ma fotografano la situazione delle preferenze elettorali in quel determinato momento, con un margine di errore piuttosto ampio (di solito intorno ai 3 punti percentuali). Servono quindi a capire in che senso si sta orientando l’elettore della destra in queste ultime ore. Aggiungerei due ulteriori considerazioni, vista la particolarità delle elezioni primarie. La prima è che quanti che siano i partecipanti (2 milioni, 3 milioni, addirittura 4), le fluttuazioni possono essere abbastanza rilevanti. In un’elezione presidenziale vanno a votare più o meno 35 milioni di persone, 300mila elettori che cambiano idea rappresentano lo 0,8% dell’elettorato: contano pochissimo. Alle primarie, se lo stesso numero di persone cambia idea e l’elettorato è di 3 milioni di persone, in termini percentuali questo vale il 10%: cambia tutto. A ciò si aggiunga che cambiare idea in un’elezione dello stesso partito, dove le divisioni ideologiche non sono così profonde, è molto più facile che in un’elezione presidenziale, dove le differenze sono più nette. Passare da Hollande a Marine Le Pen è un conto, passare da Juppé a Fillon è un altro. Il cambiamento è soprattutto più accettabile, con sé stessi e con gli altri.

schermata-2016-11-19-alle-11-27-14

Come potete vedere, rispetto alle rilevazioni di ottobre, questo sondaggio realizzato da Ipsos per Le Monde dà in testa Fillon, anche se di pochissimo. La conclusione che possiamo trarne è che non abbiamo alcuna idea di chi possa qualificarsi al secondo turno. Cos’è successo nel frattempo? Il 30 ottobre avevo scritto questo:

“È vero che con due dibattiti da affrontare e tre settimane di campagna teoricamente la rimonta è possibile, d’altro canto 15 punti e un fisiologico interesse dell’opinione pubblica per il duello Juppé-Sarkozy rendono il compito di Fillon davvero complicato. Possiamo quindi dire che per trasformare la rimonta da possibile a probabile, l’ex primo ministro deve sperare in una serie di errori gravi di Sarkozy più che nelle sue capacità.”

Mi cito anche se va a mio svantaggio: avevo sbagliato analisi. Avevo considerato, come ripetiamo spesso dall’inizio di questa newsletter, che Fillon per recuperare avrebbe dovuto a scalzare l’ex presidente, rivale naturale perché più vicino nei sondaggi, ma che la fan-zone di Sarkozy fosse intoccabile. Questa riflessione si è rivelata in parte vera, perché Sarkozy è rimasto stabile nei sondaggi, a conferma di quanto ci sia uno zoccolo duro sempre pronto a sostenere l’ex presidente. Quello che non avevo considerato è che Fillon, nelle intenzioni di voto, ha convinto moltissimi elettori che si erano espressi per il favorito: Alain Juppé. Ora, che il sindaco di Bordeaux potesse perdere qualche punto era prevedibile, però non ci aspettavamo che il suo elettorato fosse così fragile.

B-Come possiamo spiegare questa rimonta?

Si è evidentemente instaurata una dinamica: più Fillon rimontava nei sondaggi più si riduceva l’immagine di favorito ineluttabile di Juppé. Abbiamo detto che il sindaco di Bordeaux aveva il pregio di apparire come il candidato più serio e presidenziale, e allo stesso tempo capace di battere Sarkozy, inviso a una buona parte dell’elettorato. Ad un certo punto le stesse caratteristiche sono emerse in François Fillon: al 10/12% era penalizzato dall’effetto voto utile, ma al 20% in molti si sono detti che forse valeva la pena provarci, e che dopotutto un voto per Fillon non era un voto sprecato. Insomma, in queste settimane di campagna è venuta fuori la più grande debolezza di Alain Juppé: la difficoltà nel mobilitare.

Infine, Fillon ha avuto il merito di mettere in piedi una chiara e più netta proposta politica. Il discorso radicale sull’Islam, la posizione più dura sugli impegni internazionali della Francia (Fillon sostiene che il suo paese debba uscire o quantomeno ridiscutere la propria permanenza nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo), le idee molto liberali in economia, dove ha individuato in Margaret Thatcher il suo modello (di questo parleremo, la destra in Francia non è mai stata liberale, e questo sarebbe un mutamento molto interessante, se Fillon dovesse farcela) magari piacevano già all’elettore di destra, che però era portato dalla razionalità a puntare su Juppé. Ora potrebbe aver trovato un campione più ancorato a destra che lo convince di più.

Altro punto di forza è la grande popolarità nell’elettorato cattolico più disposto a mobilitarsi. Secondo un sondaggio dell’istituto Ifop per il settimanale Pèlerin, tra i cattolici il favorito nelle intenzioni di voto è Alain Juppé, ma Fillon è appoggiato dai movimenti della Manif Pour Tous, la mobilitazione generale contro i matrimoni omosessuali,  che contano migliaia di aderenti e sono stati capaci di organizzare manifestazioni partecipatissime negli scorsi anni. Ora, senza spingersi sino a dire che abrogherà la legge, ormai considerata cosa fatta e parte integrante dell’ordinamento, Fillon dà cittadinanza alle idee più conservatrici di questi movimenti sull’adozione da parte delle coppie omosessuali, e sulla procreazione assistita, essendo contrario ad entrambe. Se, come detto, la partita si gioca tra chi mobilita di più, questi voti possono essere tutt’altro che trascurabili.

C-Come sono messi gli altri due candidati?

Cosa comporta questo per Sarkozy? Seppure la rimonta dell’ex primo ministro è avvenuta ai danni del sindaco di Bordeaux, la dinamica è comunque preoccupante: da un lato Sarkozy potrebbe essere eliminato al primo turno, cosa impensabile sino a pochi giorni fa; dall’altro questa porosità di preferenze tra Juppé e Fillon indica che gli elettori dei repubblicani stanno cercando il candidato migliore per batterlo: se anche dovesse qualificarsi al secondo turno, avrebbe molta difficoltà ad andare oltre il suo zoccolo duro. È anche vero che sinora la sua strategia è stata proprio questa: Sarkozy considera che primo e secondo turno si giocano su due terreni differenti.

E quindi Juppé ha perso? Assolutamente no. Il sindaco di Bordeaux è stato sempre in testa, continua ad essere molto alto nel gradimento dei francesi e incarna alla perfezione la figura presidenziale. Tutto questo non è scomparso, ed è tuttora il favorito. Il problema è che, vista la grande concorrenza, il primo turno potrebbe essere deciso da pochi voti, per cui portare a votare i propri sostenitori è fondamentale. Avendo un tipo di elettorato più eterogeneo e probabilmente meno motivato, in un’elezione molto serrata potrebbe scontarlo. Tutto ciò può farci affermare che, se prima una sua eliminazione al primo turno era considerata tendenzialmente impossibile, adesso non sarebbe un colpo di scena.

Rispetto alla questione di vittorie o sconfitte per pochi voti è doveroso fare un cenno al disastro delle elezioni interne dei repubblicani di qualche anno fa.  Nel 2012 i repubblicani votarono per la presidenza del partito (che allora si chiamava ancora UMP) contesa tra due dei candidati attuali: François Fillon e Jean François Copé. Vinse il secondo di pochissimi voti, e Fillon non riconobbe il risultato, denunciando irregolarità. La storia si è trascinata per mesi, ed è stata risolta alla fine anche con il contributo di Nicolas Sarkozy (che infatti l’ha rivendicato più volte, anche nella dichiarazione finale del dibattito di giovedì). La questione è stata sì risolta, ma ha lasciato sospetti: Fillon ha distribuito migliaia di manuali per evitare truffe ai suoi rappresentanti di lista. È vero che in un’elezione di milioni di persone truccare il risultato è molto difficile, ma in caso di scarti molto piccoli antichi sospetti potrebbero venir fuori. Le primarie sono aperte, non regolate per legge, e affidate alla dirigenza del partito, che ha predisposto più di 10.000 gazebo e uffici elettorali. In Italia il PD lo sa bene, le primarie possono essere un grande boomerang.

2-Macron è ufficialmente candidato alla presidenza della repubblica

La notizia della settimana, come avevamo anticipato, è che Emmanuel Macron si è candidato. Abbiamo quindi il terzo candidato di peso, dopo Jean-Luc Mélenchon (ne avevamo parlato qui) e Marine Le Pen.

Sulla sua scelta e cosa può comportare vi consiglio questa analisi di Serge Raffy, pubblicata dall’Obs. Se invece vi interessa un riassunto dei vari passi che ha compiuto Macron prima della dichiarazione di mercoledì, c’è un articolo del Figaro che può essere utile. Di Macron, ministro dell’economia di Hollande poi dimessosi a fine agosto, ne avevamo parlato in ogni caso qui e qui.

Cosa succede ora? Possiamo individuare tre principali sfide che Emmanuel Macron dovrà affrontare nei prossimi mesi. Una ideologica e due più organizzative. Prima di tutto deve continuare a coltivare le sue posizioni politiche, è vero che finora ha reso delle interviste molto lunghe ai principali settimanali francesi e ha tenuto tre conferenze programmatiche, ma non è abbastanza. Il fondatore di En Marche! è molto solido sui temi economici e di società ma meno su altri: la Francia è impegnata militarmente in Mali, partecipa alla coalizione contro lo Stato Islamico in Siria, ha forze speciali sul terreno in Libia, cosa ne pensa Macron? Oppure, come vede precisamente il rapporto con l’Europa? Sappiamo che è europeista convinto, ma poco di più. Vuole prorogare ancora lo stato d’emergenza in vigore ormai da un anno e che sarà rinnovato dal governo Valls sino alle elezioni presidenziali? Dovrà chiarire tutto questo, anche per rispondere alle accuse di chi lo vede fragile e un po’ vuoto.

Ci sono poi i problemi organizzativi. Da quando il presidente della repubblica francese è eletto con il suffragio universale diretto, la regola è che un candidato, per poter partecipare alle elezioni, deve ottenere un certo numero di firme di rappresentanti eletti negli organi legislativi od esecutivi della nazione. Quindi sindaci, consiglieri regionali, parlamentari europei e così via. All’inizio le firme erano 100, poi negli anni sono state aumentate e sono diventate 500, provenienti da almeno 30 dipartimenti differenti, con un limite fissato in 50 firme per dipartimento. Macron ne ha bisogno, e  la cosa è meno scontata di quanto sembra: l’ex ministro dell’economia non ha un partito, e ha ancora poco personale politico che lo sostiene. La questione è tutt’altro che burocratica, per i candidati minori è sempre stato un problema: se le firme disponibili sono quasi 47.000, non tutti gli eletti sono disposti a sostenere un candidato, diventa dunque molto utile poter contare su un partito che se ne occupi per te. Di queste difficoltà ne sa qualcosa Jean Marie Le Pen che non riuscì a candidarsi nel 1981 proprio per aver mancato questo obiettivo.

L’altro problema sono i soldi: i candidati possono raggiungere un tetto di spesa di 22,5 milioni di euro; Macron ne ha raccolti più o meno 3, ancora pochi per fare una campagna all’altezza. Si calcola che ne servono almeno 10 se non di più e ancora una volta, senza partito la sfida è molto più difficile.

Infine, ciò che secondo me rende la candidatura di Macron interessante: il suo rapporto con il Front National. Macron ha spesso accusato gli altri candidati di essere “cinici”, perché corrono al primo turno per qualificarsi contro Marine Le Pen al ballottaggio, come se fossero rassegnati a questa eventualità (che d’altronde è confermata da tutti i sondaggi, da anni ormai). Il leader di En Marche! ha invece detto chiaramente che è in campo anche per evitare un secondo turno con la presenza di Marine Le Pen. La sua è una posizione quantomeno controcorrente e, al momento, di difficile realizzazione. Però mancano sei mesi alle elezioni, e può succedere ancora di tutto.

3-Notizie sparse

-Marine Le Pen ha inaugurato il suo comitato elettorale a rue Saint Honore, nella stessa strada dell’Eliseo. Ha anche presentato il suo simbolo: una rosa blu con il solo nome di Marine, senza alcun riferimento al partito o al cognome. Non è una scelta casuale.

schermata-2016-11-19-alle-16-01-03

-Durante il dibattito il giornalista David Pujadas ha chiesto a Sarkozy di commentare le ultime rivelazioni su un suo possibile finanziamento illecito nella campagna elettorale del 2007 da parte di Gheddafi, allora dittatore libico. La storia non è nuova, ma il sito Mediapart ha pubblicato delle nuove dichiarazioni e la cosa sembra essere piuttosto seria. Qui trovate un riassunto e un’infografica del Monde molto chiara, noi ne parleremo in futuro, se la storia dovesse montare.

 

Per oggi è tutto, a lunedì pomeriggio, per commentare i risultati!

Se questa newsletter ti è stata utile consigliala ad un amico, o condividila su Facebook, puoi usare questo link!

Se hai una domanda, una critica o un’osservazione, scrivimi a francescomaselli@live.it

Se volete commentare l’articolo, potete farlo su www.hookii.it che ospita ogni lunedì questa newsletter. Ci trovate moltissimi altri articoli interessanti, per cui consiglio di farci un giro.

Mi trovate anche su Facebook e su Twitter

Qui trovate le puntate precedenti.

 

 

 

Annunci
Standard

3 thoughts on “Présidentielle 2017, edizione straordinaria: Les Républicains al voto

  1. Pingback: Présidentielle 2017, tutte le puntate | Francesco Maselli

  2. Pingback: Présidentielle 2017, tutte le puntate | Francesco Maselli

  3. Pingback: Présidentielle 2017: la guida alle elezioni francesi. Edizione straordinaria – hookii

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...